Cani vegani perché?

Coloro che hanno aderito al veganesimo, al fine di non alimentare l’industria dello sfruttamento animale tendono, per coerenza, ad estendere la scelta vegana quindi ad alimentare il proprio cane con cibo vegano. A meno di problemi di salute o di gravi carenze nutrizionali, il vegano è naturalmente propenso a proporre la propria scelta alimentare, ritenuta la più salutare, al proprio animale d’affezione.

Cani vegani: pareri contrari e favorevoli.

Cani vegani? Possiamo privare il nostro amico quattrozampe dei nutrimenti a base di carne? Possiamo sostituire totalmente i suoi nutrimenti con cibo vegano per cani? Il cibo vegan per cani è nutrizionalmente valido per la loro salute? La normale alimentazione del nostro fedelissimo amico può essere trasformata alimentazione vegana per cani o dieta vegetariana senza essere causa di alcun problema di salute?

I cani appartengono all’ordine dei carnivori, discendono dal lupo, nascono predatori; possiedono una dentatura molto robusta con canini affilati per poter afferrare e tenere salda la preda. Il loro sistema muscolo scheletrico è adatto alla caccia e anche il loro stomaco e intestino presentano degli enzimi digestivi e una flora intestinale diversa rispetto a quella degli erbivori. E’ giusto allora decidere di nutrirli con alimenti per i quali non sono predisposti naturalmente ovvero con una alimentazione vegana?

E’ corretto imporre un’alimentazione vegana ai cani?

Cani vegani: pareri contrari

Molte persone credono che sia sbagliato e innaturale imporre cibi vegani ai cani.  Ritengono che la dieta vegana ovvero una alimentazione vegetariana per cani non sia adeguata a livello nutrizionale e che sia moralmente criticabile imporre il proprio stile di vita ad animali per loro natura carnivori.

I cani e anche i gatti sono predatori, hanno la necessità di consumare proteine e grassi di origine animale. Il rispetto verso gli animali domestici comporta assicurargli le cure di cui hanno bisogno sulla base della loro natura, delle loro esigenze particolari e non della propria filosofia di vita.
Nel “cane vegano” può nascere il desiderio di quegli alimenti che sono geneticamente presenti nel suo cervello. Si tratta della naturale ricerca di “prede”, che può spingerli a scappare di casa. Ciò è fonte di stress nell’animale, che riduce le sue difese immunitarie, determinando l’insorgenza di altre malattie.

Possiamo però analizzare la questione considerando un altro punto di vista, partendo dalle origini.

L’uomo ha iniziato ad addomesticare questo animale circa 20 mila anni fa, il cane ha imparato a convivere con l’uomo, ed è diventato l’animale domestico per eccellenza. Grazie a questa convivenza il cane è diventato onnivoro. C’è stato un cambiamento graduale in questa specie animale. Da predatore è divenuto domestico e da carnivoro è diventato onnivoro, quindi potenzialmente vegano. Grazie al graduale inserimento nella sua alimentazione dei “resti” del pasto del padrone, il cane ha migliorato la sua capacità digestiva degli amidi.

Cani vegani: pareri a favore

Chi sostiene l’alimentazione vegana per cani per gli animali d’affezione in genere, basa le sue convinzioni su tre principi:

  • Etici: i cani seguono da sempre una dieta cruelty free, priva di crudeltà. Le regole sociali riconosciute dal mondo veg prevedono il rifiuto di ogni pratica che provochi la sofferenza e la morte degli animali. I cibi in scatola per cani a base di carne sono confezionati utilizzando gli scarti di macellazione o di prodotti destinati al consumo umano. Acquistare questi prodotti significa finanziare gli allevamenti e i macelli. Molte volte sono gli stessi proprietari di questi stabilimenti ad utilizzare gli scarti degli animali macellati, per produrre il cibo in scatola, per ottenere un maggior guadagno dalla loro attività. Nutrire gli animali domestici con questo cibo, contraddice perciò anche la “filosofia vegana”.
  • Salutistici: sappiamo che agli animali allevati vengono somministrati antibiotici, ormoni e altre sostanze chimiche. Esse sono nocive in primo luogo alla salute dell’uomo e successivamente a quella dei cani. La scelta di una alimentazione vegana, a base di cibo vegano per cani, nasce pertanto anche dalla volontà di proteggere la salute degli animali d’affezione.
  • Ambientali: l’allevamento di animali destinati all’alimentazione è uno dei principali fattori che causano i cambiamenti del clima. Essa produce il 18% delle emissioni di gas a effetto serra a livello mondiale. Il metano prodotto dal metabolismo degli animali contribuisce al surriscaldamento della terra. Vengono inoltre abbattute foreste per ricavare terreni fertili, sui quali coltivare foraggio per alimentare gli animali. Lo sfruttamento intensivo di questi terreni ne determina a lungo andare la desertificazione, una volta consumato lo strato di humus superficiale. Ciò genera la necessità di abbattere nuove foreste, dando origine a un circolo continuo. Gli escrementi degli animali allevati sono infine uno dei principali fattori di inquinamento. Essi contengono grandi quantità di fosforo e azoto, che passano alle falde acquifere e arrivano fino ai mari, determinando la morte di molti pesci e l’eccessivo sviluppo di alghe.

Sì, i cani possono seguire una dieta vegana!

cane vegano
cane vegano

L’intestino dei cani non è eccessivamente corto e per questo può digerire anche altri alimenti oltre alle proteine animali. Il cane è onnivoro! La dieta vegana del cane, così come quella dell’uomo, dev’essere bilanciata. Deve contenere fonti proteiche, carboidrati, minerali, vitamine, aminoacidi e alcuni grassi. La mancanza o la carenza di questi elementi può portare alla nascita di malattie più o meno gravi. I cani hanno bisogno di una quantità di proteine maggiore rispetto a quella di cui necessita l’uomo. E’ importante inoltre che il cibo vegano per cani sia facilmente digeribile, molto variato per assumere tutte le quantità di nutrienti e gustoso.
E’ fondamentale perciò rivolgersi ai nutrizionisti per cani e ai veterinari per formulare una corretta dieta alimentare che comprenda del cibo vegano per cani.

In merito alla scelta di nutrire il cane con una dieta vegana o vegetariana abbiamo sentito il parere della Dottoressa Manuela Raja. Medico Veterinario specializzata in medicina d’urgenza, la dottoressa da tempo prescrive per animali domestici, diete vegane bilanciate per cani.

L’alimentazione vegana per cani oltre che bilanciata dev’essere integrata con quei nutrienti che non possono essere assunti a livelli ottimali con l’esclusione della carne delle uova e del latte. Solo in questo modo è possibile condividere in modo sicuro questa scelta di vita con i nostri amici.

Cosa mangiano i cani vegani?

E’ possibile scegliere se alimentare il proprio cane con cibo vegano industriale oppure optare per una dieta vegana fatta in casa.

Esiste in commercio una grande varietà di cibo vegano per cani e di crocchette vegane per cani. Esse hanno il grande pregio di appartenere al gruppo dell’alimentazione vegetariana per cani, di essere molto digeribili e soprattutto di contenere tutti i nutrimenti necessari per garantire una vita sana al nostro animale.

Oltre alle crocchette sono molto graditi dai nostri amici quattro zampe anche i biscotti vegetariani per cani ideali come spuntino e come ricompensa.

Nella sezione prodotti per cani vegani troverai alcune tipologie di biscotti, crocchette e altri prodotti per l’alimentazione vegana del cane.

Per coloro che invece preferiscono preparare in casa il cibo vegano per il proprio cane, è necessario tenere presente che non tutti gli alimenti consumati dall’uomo sono idonei al nutrimento del cane. Sarà inoltre necessario intervenire integrando la dieta vegana con integratori alimentari per cani e alghe marine in grado di colmare eventuali carenze nutrizionali.

Che cosa sono gli alimenti funzionali per cani?

La nozione di alimento funzionale è nata in Oriente, nello specifico in Giappone. Qui è diffusa l’usanza di utilizzare gli alimenti anche a scopo curativo e preventivo delle patologie. Il concetto di alimentazione si è pertanto arricchito di un nuovo significato, che va oltre il compito di fornire i principi nutritivi necessari al fabbisogno dell’organismo.

Un alimento funzionale è tale quando è in grado di apportare effetti positivi sulla salute, agendo al di là delle sue funzioni nutrizionali di base.

Gli alimenti funzionali nella alimentazione del cane?

Situazioni stressanti, disordini alimentari o assunzione di farmaci rendono l’intestino del cane suscettibile all’attacco di elementi patogeni oppure possono scatenare diarrea persistente con tracce di sangue nelle feci del cane. E’ proprio in questi momenti che diventa necessario integrare il cibo vegano per cani con alimenti funzionali per cani come probiotici o fermenti lattici per cani, prebiotici come ad esempio Carobin Pet e simbiotici. Essi sono in grado di ristabilire la microflora intestinale che difende l’organismo da infestazioni di parassiti intestinali del cane ed è necessaria per il regolare funzionamento del sistema immunitario.

Come potenziare sistema immunitario del cane vegano?

La micoterapia per cani è un valido supporto per aiutare a mantenere funzionale il sistema immunitario e conseguentemente la salute dell’animale.
I medici specialisti in veterinaria consigliano da tempo la micoterapia sia sotto l’aspetto della prevenzione sia come terapia oncologica e di tutte le patologie croniche e degenerative che affliggono i cani.
I funghi terapeutici per cani, grazie alla loro composizione chimica ricca di vitamine (C,B1 B12 e betacarotene), sali minerali, fibre e molecole antiossidanti sono definiti come modificatori delle risposte biologiche dell’organismo.
Le sostanze maggiormente attive sotto il profilo biologico contenute nei funghi sono i Betaglucani, fibre solubili con valenza prebiotica. Possiedono una elevata ed efficiente azione di stimolazione del sistema immunitario, grazie al loro alto assorbimento da parte della mucosa intestinale. Interagiscono inoltre con i macrofagi (cellule immunitarie) altamente specializzate nella difesa dell’organismo.
La micoterapia in veterinaria trova riscontro terapeutico in malattie del sistema immunitario, nelle malattie legate al fegato come epatoprotettore e nelle patologie allergiche.

Come sviluppare ossa e muscoli dei cani vegani

Proteggere le ossa ed aumentare la massa muscolare del cane sono due aspetti che aiutano a mantenere i nostri amici a quattro zampe in buona salute. Ossa, muscoli ed articolazioni costituiscono la struttura portante del cane. Dalla loro efficienza dipendono il movimento, la protezione di organi interni ed in generale l’interazione con i loro simili e con noi. La protezione del sistema muscolo-scheletrico del cane significa anche prevenire tutta una serie di malattie (osteoartriti e miopatie) che possono condizionare pesantemente la loro vita di tutti i giorni.

E’ possibile adottare un’alimentazione vegetariana per cani e prevenire le malattie osteoarticolari e muscolari?

Si! Una dieta vegana bilanciata basata su cibo vegano per cani è in grado di soddisfare le necessità nutrizionali biologiche che prevengono alla potenziale insorgenza di malattie acute e cronico degenerative a carico dell’apparato locomotore del cane.

All’interno della alimentazione vegetariana per cani diversificando le fonti alimentari che contengono sostanze biologicamente attive (Calcio, Fosforo, Magnesio, Potassio Sodio, proteine, vitamine ed antiossidanti) possiamo garantire l’assorbimento di tutti i nutrienti consoni allo sviluppo ed al mantenimento di uno stato di completa efficienza dei tessuti ossei e muscolari anche nei cani vegani.

Come fortificare i muscoli del cane?

Come aumentare la massa muscolare del cane

Per aiutare la crescita dei muscoli del cane non basta una intensa attività fisica, è indispensabile seguire una corretta dieta alimentare.

Per lo sviluppo di un sistema muscolare sano e funzionale occorre somministrare al cane la giusta dose di tutte le sostanze nutritive (minerali, carboidrati, vitamine, proteine).

Durante la fase di accrescimento del cane cucciolo l’alimentazione diventa ancora più importante e deve essere seguita in maniera molto regolare e minuziosa. Qui si gettano le basi per avere un perfetto equilibrio tra tutti i sistemi dell’organismo del nostro animale.

In un ideale inizio di percorso di crescita, durante i primi mesi di vita, non può mancare il giusto apporto di proteine “i mattoni cellulari” ed anche i sali minerali come il Calcio rappresentano elementi essenziali ed indispensabili per il futuro benessere del cane.

Come sviluppare le ossa del cane

L’organismo intero di un cane cucciolo ha bisogno di molte sostanze nutritive. Potenzialmente molto pericolose sono le carenze nutrizionali in questo periodo.

Nei primi mesi di vita viene data particolare importanza alla assunzione del calcio nel cane.

Questo minerale è costituente fondamentale dello scheletro del cane, partecipa allo sviluppo e rafforzamento delle ossa e svolge altre importantissime funzioni (una tra tutte è la regolazione del battito cardiaco) per l’organismo dello stesso.

Per il metabolismo del calcio nel cane è essenziale la presenza anche di altri minerali il Fosforo ed il Magnesio.

Basilare è la somministrazione delle giuste quantità di calcio al vostro cane sin dalla tenera età per evitare debolezza fragilità delle ossa e rachitismo.

Aromaterapia nei cani

Anche i nostri più fedeli amici possono avere un beneficio dall’utilizzo degli oli essenziali.
L’impiego di oli essenziali per l’aromaterapia per cani vegani può aiutarli in particolari periodi di stress o di forte tensione emotiva causati da circostanze sfavorevoli. Ancora gli oli essenziali possono essere usati per la profilassi di alcune malattie.

Gli oli essenziali, nella loro composizione chimica, sono formati da molecole biologicamente attive aventi potenti proprietà terapeutiche. Impiegati correttamente, possono essere utilizzati come trattamento integrativo per la risoluzione di alcune patologie.

Studi e ricerche hanno stabilito una correlazione sull’utilizzo della aromaterapia e la riduzione degli stati di ansia, l’opposizione a processi ossidativi, la riduzione dell’attecchimento di batteri, tossine, funghi e virus.

Oli antiparassitari per cani

Utilizzi importanti degli oli essenziali per cani sono i trattamenti antiparassitari in modo particolare contro pappataci, zanzare, zecche e pulci (nei cani la puntura di questi insetti può provocare Leishmaniosi).
In alcuni casi l’uso degli oli essenziali antiparassitari è capace non solo di combattere l’insetto adulto ma anche di eliminare le sue uova per il suo potere elevato larvicida. Esistono diversi metodi per utilizzare gli oli essenziali sui cani: distribuendo il prodotto sul collare, oppure come spray per la loro cuccia in modo da allontanare i batteri nocivi.

Evitate di distribuire l’olio essenziale puro direttamente sul pelo (usate delle soluzioni o meglio delle dispersioni in acqua fate particolare attenzione alle reazioni irritanti procedendo da una piccola area)

Per quanto le sostanze contenute negli oli essenziali usati nella aromaterapia per cani sono delicate, sono pur sempre molto concentrate e posseggono quindi un certo grado di tossicità, possono rappresentare potenziali agenti irritanti o allergici e possono causare anche dannosi effetti collaterali è importante procedere in maniera graduale notando le reazioni del proprio cane.

Non abusate nell’uso degli oli essenziali e non fatene un uso molto prolungato senza prima aver consultato il vostro medico veterinario.