Su questo tema, sempre estremamente controverso, abbiamo raccolto delle testimonianze di persone che hanno scelto di somministrare un’alimentazione vegana al proprio cane. Ecco le loro esperienze!

Prima di intraprendere un cambio alimentare avevo molti dubbi. La mia priorità è sempre stata la salute del mio cane, Nemo, e proprio per questo è passato del tempo prima che decidessi di affidarmi a qualcuno. La Dottoressa Raja mi ha presa per mano ed accompagnata in questo viaggio alimentare, in cui nulla è lasciato al caso.
Mi ha seguita passo dopo passo, mi ha spiegato la scelta di ogni singolo alimento, le proprietà, i vantaggi, gli aspetti nutrizionali.

Mentre Nemo (molto gradualmente) cambiava la sua alimentazione, io imparavo e acquisivo consapevolezza sul cibo che preparavo per lui. Non c’è stato nessun passaggio drastico o repentino…bensì un “accompagnamento” che ha rispettato i tempi di Nemo ed i risultati sono andati ben oltre le mie aspettative! Nemo mangia tutto con gusto e piacere, il suo pelo è lucido e le feci sono perfette. Ha una vitalità invidiabile. Quest’estate lo abbiamo portato in montagna ed ogni giorno ci ha seguiti in lunghissime passeggiate (anche di 5-6 ore). Sta bene, finalmente ha risolto le sue continue infiammazioni alle orecchie ed il leccamento alle zampe è scomparso. 

Ci tengo a dare la mia testimonianza perché io stessa ne avrei avuto bisogno quando ero tremendamente indecisa su cosa fare. 

alimentazione vegana al cane

Credo sia fondamentale diffondere e far conoscere realtà verso le quali si hanno ancora molti pregiudizi. Non si tratta di “imporre” al proprio cane un certo tipo di alimentazione. Si tratta di elaborare una dieta specifica per lui con del cibo che sia salutare, buono, estremamente energetico e nutriente. Ovviamente, nel mio caso è stato così, sotto la guida di un’esperta competente, professionale, preparata e anche (da non sottovalutare) sempre disponibile.” 


Sono Cecilia, ho due maltesi Axel e Rose, da qualche mese sono vegani, è stato un cambiamento che hanno accolto senza difficoltà grazie all’aiuto e al supporto della veterinaria Manuela Raja. Stanno entrambi molto bene, corrono, saltano e giocano, inoltre ho notato che da quando non mangiano più carne sono meno aggressivi , sono invece molto più tranquilli e ubbidienti. La mia esperienze con l’alimentazione vegana al cane può dirsi pertanto positiva”.


cane vegano

Ho un cane meraviglioso di nome Maila ed è un Leonberger. Il primo anno che l’ho presa l’ho alimentata normalmente. Diventata vegetariana ed approfondendo questo mondo capii che essere vegetariani o vegani non significava semplicemente togliere dalla propria dieta la carne ed il pesce. Era necessario integrare e la natura ci offre veramente di tutto. Inoltre scelsi di smettere con un’alimentazione derivata dalla sofferenza di altri esseri viventi e non volevo sostenere l’allevamento intensivo.

Come potevo sostenere di amare gli animali e poi mangiarli?!

Ho iniziato ad informarmi per comprendere se era possibile somministrare un’alimentazione vegana anche al cane. Ho cominciato a nutrire Maila in modo vegetariano al 90%, in quanto ero ancora insicura non avendo nessuno che mi potesse guidare. Quattro anni fa Maila è diventata vegetariana e da un paio d’anni è vegana . Oggi ha 7 anni e mezzo. Per la sua razza è già vecchietta ma a parte i peli bianchi sul muso sta benissimo. Il nuovo veterinario che la segue e che non sa nulla dell’alimentazione vegana, non solo non pensava avesse quell’età ma non pensava proprio di trovarla così in salute e con pelo così lucido. Persino i denti l’hanno stupito. L’alito è buono e non è in sovrappeso e le feci sono sempre perfette e non odorano. Non soffre né di artrite né di artrosi. Facciamo ancora insieme delle belle lunghe passeggiate e corre e nuota con vitalità. Per me è importante essere seguita da un veterinario esperto nel settore. E per questo ringrazio tanto Manuela Raja che la segue sempre con attenzione e precisione. L’alimentazione di Maila è mista. In parte fatta di crocchette vegane insieme ad umido vegan (è stata una mia scelta per quando devo assentarmi da casa e per non sovraccaricare colei che si prende cura del cane) e di pasti preparati in casa fatti di cereali legumi, verdure, tempeh, lievito madre, germe di grano, semi vari, alghe. Di frutta ne mangia di svariati tipi, comprese le arance, le pesche il melone e l’anguria. Ama sgranocchiare le carote e adora le coste e le rape rosse crude. Secondo me è importante farsi seguire all’inizio perché trucchetti come aggiungere piccole quantità di piante aromatiche come ad esempio il rosmarino nella cottura dei legumi per impedire che si formi aria nell’intestino del cane lo può suggerire solo un veterinario esperto.

Sono felice della mia scelta e contrariamente a quanto si pensa, credo che la giusta esperienza venga dal mantenere la mente aperta e crescere in consapevolezza anche riguardo l’alimentazione vegana dei nostri amati animali”.


Ancora prima di aver adottato Joy, avevo già deciso che, se mai avessi avuto un cane, lo avrei nutrito con una dieta a base vegetale. Sui social media, seguivo svariate persone americane con i loro bellissimi cani 100% vegani. Con gioia condividevano col mondo come la dieta vegana mantenesse la buona salute dei propri amici a quattro zampe. Tutto senza che loro, come padroni, dovessero compromettere la propria integrità morale.

Quando Joy è diventato un membro della mia famiglia, ho contattato immediatamente la Dottoressa Manuela Raja, che ha pianificato una dieta vegan bilanciata su misura per lui, che è ancora un cane in crescita. Il fai-da-te è sempre sconsigliato! Ero felice di aver trovato una veterinaria specializzata in nutrizione vegana per cani.

cane vegano

Mia madre inizialmente era scettica, ma si è dovuta ricredere. Joy ha smesso di perdere la quantità di pelo che perdeva all’inizio, non vomita più ed è pieno di energie! Vuole sempre giocare nonostante le svariate passeggiate giornaliere. È costantemente vispo e in ottima forma… tanto che adesso stiamo cominciando a pensare che pure noi dovremmo mangiare più come lui!

A chi non crede che sia possibile somministrare un’alimentazione vegana al cane, io li invito ad aprire la mente. Ci sono tanti cani vegani in perfetta salute, l’importante è informarsi per bene e non improvvisare, affidandosi sempre a un medico veterinario competente in materia come appunto la Dottoressa Raja. Inviterei le persone anche ad aprire il proprio cuore: perché supportare la sofferenza di altri animali quando non è necessario farlo?

Perché contribuire al disastro ambientale dei nostri tempi utilizzando prodotti animali quando se ne può fare a meno?

Stefania


La mia cagnolina era in sovrappeso, con formazione di lipoma nello sterno. Le analisi evidenziavano una sofferenza importante al fegato. Ho deciso quindi di cambiare alimentazione e procedere con una dieta che potesse agire sui valori, tenere sotto controllo il lipoma esistente ed evitarne la formazione di altri.

Non mangio carne, latte e derivati da diversi anni, conosco la potenza del cibo vegetale e del valore nutraceutico che ne deriva, ma non avevo mai pensato di estendere questa modalità di alimentazione alla mia cagnolina! (se non con la supervisione di un esperto).

Tramite l’associazione vegani italiani ho trovato la dottoressa Manuela Raja, la quale dopo accurati check up a distanza(videochiamate, analisi, foto etc) mi ha prescritto delle diete con cadenza settimanale per inserimento di alimenti vegetali, mirati a ristabilire tutte le funzionalità epatiche di Luna. Fin da subito non ho avuto nessun problema o rifiuto del cibo proposto, anzi Luna ne è stata subito entusiasta! Ho anche un altro cane, Otto che vedendo il cibo di Luna ne era incuriosito. Anche per lui, dopo avergli fatto assaggiare il cibo, non ho avuto dubbi. I cani erano molto più allegri, giocosi, il pelo lucidissimo.

Durante questi mesi Manuela è stata sempre disponibile per chiarire ogni mio dubbio in qualsiasi momento della giornata. Per i primi  due mesi ci sentivamo ogni settimana per aggiornarci e discutere della nuova dieta. Successivamente la cadenza dei contatti è diventata mensile, restando comunque a disposizione per ogni incertezza. Essendoci state le ferie di mezzo, nell’impossibilità di cucinare, mi ha anche indicato delle crocchette vegetali il più naturali possibili, che sono piaciute immediatamente ai cani! Oggi Luna è dimagrita 2,5 kg e a breve ripeteremo le analisi, ma sono assolutamente sicura che i parametri sono rientrati!

É un percorso bellissimo, che rafforza ancora di più il rapporto con gli animali. Tutto l’amore messo in ogni pappa è l’espressione del benessere dei pelosi. E’ indubbio che ci vuole una grande organizzazione, ma nel momento in cui il cane mangia il nostro stesso cibo, basta solo avere l’accortezza di non utilizzare alcuni alimenti come sale, cipolla, soffritti).

Ed è così che la base pappa di cereali e legumi diventa la base per una zuppa, degli  hamburger vegetali preparati l’indomani una volta raffreddati, piuttosto che uno sformato, il tutto arricchito in seguito per noi. Bisogna solo armarsi  di un grande pentolone! Sono molto felice di aver intrapreso questa scelta, certo i momenti di stress non mancano e non nego che in situazioni di emergenza dò le crocchette indicate, ma cerco sempre di ridurre al minimo il ricorso alle stesse!


Puffo

Mi chiamo Luna e ho un piccolo meticcio di 9 anni di nome Puffo. Ho sempre pensato che l’alimentazione fosse la prima cura per mantenersi in salute ed è per questo che ho sempre cercato di nutrire al meglio ogni pelosetto che ho avuto. Puffo in linea di massima è sempre stato un cagnetto in salute, in perfetto peso forma e vitale. Ma ha sempre avuto problemi di iperacidità gastrica e reflusso con conseguente vomito e non ha mai fatto in tutta la sua vita una cacchina come si deve. Per queste ragioni sono sempre stata molto attenta ai cibi che sceglievo per lui. Per anni ha mangiato industriale, vegan per lo più perché tra tutti i cibi era quello che lo faceva stare meglio.

Successivamente, appena ho cominciato ad avere più tempo ho cominciato a cucinare anche per lui, seguita da un veterinario ovviamente. Abbiamo seguito così una dieta basata soprattutto su proteine di origine animale con mia grande tristezza visto che sono vegana da anni ma per farlo stare bene avrei fatto qualunque cosa. Passavano i mesi ma i problemi restavano e soprattutto gli episodi di vomito erano sempre frequenti, nonostante i farmaci o gli integratori. Allora ho ripreso le mie ricerche perché pensavo che se in passato un’alimentazione industriale ma vegan gli dava qualche beneficio, allora dovevo tornare su quella strada. 

Un giorno in cui ero in vacanza in un bellissimo agriturismo vegan per caso ho letto un volantino con un evento che ci sarebbe stato di lì a poco, un incontro con la Dott.ssa Manuela Raja, proprio sull’alimentazione vegan anche per i nostri pelosi. Peccato che dovevo partire…ma mi sono detta: “appena siamo a casa la contatto!”…e così ho fatto e posso dire che benedico quel giorno!!

E’ da Maggio che siamo seguiti dalla dottoressa che ha elaborato una dieta apposta per lui e dopo neanche un mese da quando abbiamo cominciato, pur andando per gradi, Puffo ha fatto i suoi primi bisognini veramente belli! Non vi posso descrivere che gioia ho provato!!! Ma la cosa più importante è che solo con l’alimentazione e qualche consiglio “naturale” della dottoressa Puffo non ha più problemi di vomito! Non smetterò mai di ringraziare la dottoressa Raja, per la competenza, la gentilezza e l’umanità che ha sempre dimostrato. In questo cammino non mi sono mai sentita sola come invece è successo in passato. Grazie davvero di cuore! Puffo adesso, oltre ad essere sempre un cagnino attivo e vitale è anche un cane sano e io sono  una ” mamma” felice 😊”.


Mi chiamo Elena e vivo a Bolzano. Voglio raccontare l’esperienza che sto vivendo con Milo, il mio cane, un Cavalier King di nove anni.
Quest’estate al rientro delle vacanze estive, Milo ha cominciato a non sentirsi bene, ad essere inappetente, meno vitale e gioioso del solito.
Da anni ormai stavo nutrendo Milo con un’alimentazione casalinga basata soprattutto su riso, ricotta qualche verdura cotta o cruda, yogurt e cereali soffiati. Pensavo bastasse per farlo star bene, ma mi sbagliavo di grosso!
Quando il cane ha iniziato a non mangiare, ho cominciato a cucinargli della carne per invogliarlo e stimolarlo, ma il 26 settembre purtroppo è stato ricoverato in clinica con la diagnosi di una grave insufficienza renale cronica. I valori della creatinina erano alti e la situazione era davvero molto critica, essendo lui pure cardiopatico e quindi assumendo dei diuretici. È rimasto in clinica una settimana, facendo in continuazione i fluidi dosati in modo tale da evitare scompensi cardiaci. Al momento delle dimissioni il valore della creatina era sceso, ma non abbastanza da poter stare tranquilli.
Convinta che l’alimentazione vegana fosse l’unica strada possibile da seguire, ho contattato la Dott.ssa Manuela Raja, che prontamente mi ha preparato una dieta da seguire scrupolosamente! Milo è stato successivamente ricoverato, con valori nuovamente elevati e alle dimissioni, le prospettive non erano delle migliori. Dovevo seguire una terapia anti-vomito e continuare a fargli fluidi sotto cute in autonomia a casa, sperando di ottenere dei lievi miglioramenti. Nel frattempo Milo aveva lentamente ricominciato a mangiare quanto previsto dalla dieta
della Dott.ssa Raja, con cui mi sentivo settimanalmente e ci mantenevamo in continuo contatto. Dopo circa due settimane, ho sostituito gli anti-vomito con prodotti omeopatici, gli ho somministrato una cura a base di prodotti naturali disintossicanti e piano piano le condizioni di Milo sono andate migliorando. In autonomia ho sospeso i fluidi che gli somministravo a casa e presto ho soppresso anche l’anti-vomito omeopatico. Circa un mese dopo l’ultimo ricovero, ho effettuato un controllo completo degli esami e i risultati sono stati molto confortanti e inaspettati in un periodo così breve. Oggi Milo continua la sua dieta completamente vegana, molto variegata e soprattutto studiata per lui e i suoi bisogni. Durante il giorno, assume verdure crude di stagione compreso cavolo nero, zucca, cicoria che mai avrei immaginato di dargli e soprattutto pensato che lui avrebbe mangiato.
La gioia di vedere il mio cane nuovamente in forma, allegro e gioioso seguendo un’alimentazione casalinga vegana è una grande soddisfazione! Da questa esperienza mi sono arricchita anche personalmente, ho introdotto nella mia alimentazione vegana nuovi accorgimenti e ringrazio di cuore la Dott.ssa Raja per la sua professionalità e per il suo amore verso gli animali.


Ciao, mi chiamo Stefano ho 33 anni e vivo in Valle d’Aosta con la mia meravigliosa Laika. Sono vegano e raramente vegetariano, per cui ho voluto che anche Laika facesse un percorso simile al mio (vegano). In giro se ne sentono di tutti i colori e, dopo una lunga ricerca, ho trovato la dottoressa Manuela Raja, specializzata in alimentazione vegana per animali. All’inizio ero scettico per una questiona di mia ignoranza. Manuela ha saputo educarmi ed insegnarmi, aprendomi le porte ad un mondo che credevo sinceramente impossibile. Manuela mi ha seguito, mi ha accompagnato e abbiamo fatto insieme mano nella mano i primi passi per educare Laika ad un’alimentazione vegana. Credetemi, e’ FATTIBILE. Manuela ha seguito Laika sin da quando aveva 3 mesi di vita, ad oggi sta benissimo, è in super forma e pratica sport con me seguendomi nelle meravigliose avventure di corsa. In caso di dubbi, rivolgetevi a Manuela che saprà indicarvi la miglior strada da percorrere per voi ed il vostro compagno/a di vita. Laika per me e’ molto più che un cane e la sua salute è un valore importante.